banner ad

Nocera: terapia lampo ad un paziente affetto da ischemia, recupera il 95% del deficit

| 29 aprile 2018 | 2 Commenti

Terapia lampo all’ospedale di Nocera ad un paziente affetto da ischemia, recupera il 95% del deficit. Il paziente è arrivato al pronto soccorso dell’Umberto I alle 23.00 circa, aveva un’ischemia cerebrale con deficit all’arto superiore ed inferiore sinistro, con compromissione anche del facciale. Era cosciente. Allertati subito sia il medico del pronto soccorso, il Dott. Nocera che era di turno ed il dottor Coppeta, Neurologo, contattato tempestivamente in consulenza. Si è proceduto subito con una TAC e con tutti i prelevi del caso. Una prima diagnosi parla di ischemia. Si esegue subito un altro esame, l’Angio TC. Ad attendere il paxie ente in TAC oltre al personale altamente specializzato anche il Dottor Attilio Cozzolino, neuroradiologo che ha monitorato l’esame con il mezzo di contrasto. Confermata una trombosi.iIl Dott.Coppeta radiologo, il Dott. Cozzolino neuroradiologo, il Dott. Nocera medico del pronto soccorso e tutto il personale infermieristico, hanno dato il massimo anche con l’ausilio di un anestesista. Il Neurologo e gli altri medici hanno deciso di procedere con una terapia di trombolisi che viene effettuata entro le 4 ore dall’ ischemia. Il paziente  è risultato il candidato migliore, è stato chiesto il consenso ai familiari. Il neurologo con l’infermiera hanno infuso il farmaco, in tre quarti d’ora sono arrivati già i risultati. Il paziente muoveva sia la gamba sinistra che il braccio e anche il facciale stava recuperando. Al termine dell’ infusione l’utente aveva recuperato il 95% del deficit. Ora è in osservazione  breve intensiva in pronto soccorso in attesa di trasferimento in Neurologia. La sanità che funziona. IMG-20180429-WA0011

Categoria: Altro, PrimoPiano

Sull'autore (Profilo autore )

Commenti (2)

Trackback URL | Commenti RSS Feed

  1. Pio D'Ambrosio scrive:

    Questo è il trattamento che mi sarei auspicato quando il 24/02/2014 fui colpito da ictus ; trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Nocera Inferiore fui ricoverato in neurologia per ictus ischemico; fui inizialmente trattato con la trombolisi per via generale i primi giorni, dopo non fui sottoposto a nessun altro trattamento; dopo circa un mese di ricovero, fui trasferito al centro Ebolitano ortopedico riabilitativo “Campolongo” per la riabilitazione fisioterapica; di lì fui dimesso il 10/05/2014; nonostante i diversi cicli di fisioterapia, ho subito un’emiparesi sinistra che mi ha lasciato una disabilità riconosciuta del 80%. ora mi domado: Questo nuovo trattamento, potrebbe essere almeno provato su di me? Se non per rimediare completamente all’emiplegia; almeno per favorire la naturale rigenerazione del tessuto celebrale compromesso? premetto che ho 58 anni e vorrei poter recuperare un poco di autonomia rispetto alle cure e attenzioni che ancora mi necessitano. io sono disposto a tutto!Fatemi sapere!

  2. Giulio scrive:

    Complimenti all’equipe ed auguri al paziente nonché alla primaria di neurologia .

Lascia un commento

Content Protected Using Blog Protector By: PcDrome.